PIERO RAGONE

è filosofo, ricercatore, scrittore, studioso di religioni e di esoterismo. Nel suo campo d’indagine rientra ciò che la scienza non è in grado di spiegare. Nel 2013 ha pubblicato il bestseller Il Segreto delle Ere con Macro Edizioni, nel 2015 è la volta del fondamentale Custodi dell’Immortalità, edito da Verdechiaro Edizioni e Nexus Edizioni. È ospite di numerosi convegni nazionali e internazionali e il suo nome è accostato a grandi interpreti della ricerca mondiale. È docente di Archeoastronomia Esoterica e Percorsi Iniziatici presso la Libera Università Italiana degli Studi Esoterici “Achille D’Angelo - Giacomo Catinella”, Facoltà di Scienze Tradizionali ed Esoteriche, Dipartimento UniMoscow.

Dominion - Le Origini Aliene del Potere, edito da Verdechiaro Edizioni in coproduzione con Nexus Edizioni, è il suo capolavoro.

mercoledì 4 gennaio 2017

LE ORIGINI ALIENE DEL CONFLITTO CHE SCRIVE LA STORIA OCCULTA DEL MONDO

Da Sirio e da Aldebaran provengono le entità non terrestri maggiormente coinvolte nelle dinamiche vitali del nostro pianeta.

Sirio è la dimora celeste degli Elohim di Jahweh, Aldebaran è la stella di provenienza dei Baalim (i “tori”), gli Anunnaki dei Sumeri; il loro leader è noto come Enki, Baal, Helel ben Shahar, Lucifero o Samael.
I primi sono i Creatori della vita sulla Terra; i secondi sono gli Intrusi, gli Angeli caduti che operano per boicottare il destino evolutivo della razza umana.

Tra le due fazioni è in atto una guerra millenaria che oggi sta giungendo al culmine; l’accanimento odierno nei confronti del dio biblico e l’insistenza sulla superiorità degli altri déi hanno il preciso scopo di sminuire il ruolo che la stella Sirio e i suoi abitanti hanno a beneficio della vita terrestre; quello che nessuno ammetterà mai è che Jahweh, il tanto odiato dio dell’Antico Testamento, ha condotto le sue guerre non per le frivole ragioni sinora addotte ma per liberare la Terra dalla minacciosa presenza dei Baalim di Aldebaran, i Vigilanti Traditori descritti nei Libri di Enoch, la cui condotta amorale, corrotta e violenta, senza il contrasto degli Elohim di Sirio, avrebbe già cancellato ogni forma di vita dalla Terra.
Perché si pone l’accento solo sulla indole guerresca del dio biblico, senza mai spiegare contro chi e per quale ragione? Perché ammettere l’esistenza dei Baalim al seguito di Helel ben Shahar e delle forze negative che provengono da Aldebaran porrebbe tutti di fronte ad alcune scomode domande: i governi ombra che gestiscono i poteri (politico, economico, religioso) sulla Terra da quale stella dipendono? Con chi interagiscono? Sirio o Aldebaran? E chi si accanisce con tanta irriverenza contro il dio biblico sta rendendo i suoi servigi agli Elohim di Sirio o agli Angeli Traditori di Aldebaran, l’occhio del Toro, la stella di Lucifero?

martedì 20 dicembre 2016

SIRIO, LA STELLA CHE HA ATTRAVERSATO LA VIA LATTEA

Sirio, la Stella di Jahweh – 

Aldebaran, la Stella degli Anunnaki.



Il nome arabo di Sirio è Al-shira Alhabor, che significa “Sirio che ha attraversato”; è stato coniato nel X secolo d.C. dall’astronomo persiano Abd-Al-Rahman Al-Sûfi nel trattato astronomico “Libro delle Descrizioni delle Stelle Fisse”. Riportando antiche tradizioni orali, Al-Sûfi narra che un tempo Sirio si trovava sul lato sinistro della Via Lattea e ha lentamente attraversato il Fiume di Stelle per raggiungere solo negli ultimi millenni la posizione odierna.
Studi astronomici forniscono una conferma scientifica alla leggenda: nel 1718, l’astronomo Edmond Halley (che ha scoperto la cometa cui ha dato il nome, la “Cometa di Halley”) calcolò la velocità e la direzione del moto proprio apparente di Sirio, dimostrando che 100.000 anni fa si trovava sulla sponda opposta della Via Lattea, nella stessa area stellare abitata delle costellazioni del Leone e dell’Orsa Maggiore. Circa 60.000 anni fa, Sirio ha attraversato la Via per discendere nelle regioni meridionali del Cielo; 12.000 anni prima di Cristo, Sirio era allineata con il prolungamento della retta che congiunge le stelle Rigel e Saiph della costellazione di Orione e si stima che, negli ultimi 2000 anni, la sua posizione è variata di 45-44 primi d’arco, l’equivalente della dimensione apparente della Luna moltiplicata per 1,5237.
Tra tutte le stelle a noi note, soltanto Sirio ha compiuto un tragitto così lungo in un tempo relativamente molto breve, una realtà scientifica che l’astronomia si limita a constatare senza essere in grado di spiegare il PERCHÉ.
Perché dalle regioni alte dei Cieli, e da una distanza di migliaia di anni luce, la stella di Jahweh è giunta a soli 8,6 anni Luce dalla Terra? Dipende dall’attuale posizione antitetica ad Aldebaran, l’Occhio del Toro, che si trova alla sinistra della costellazione di Orione e che inizialmente aveva il compito di Vigilare?

Principati e Potestà

L’Esorcismo contro Satana e gli angeli ribelli, composto da Papa Leone XIII nel XIX secolo, stabilisce che il rituale di espulsione delle presenze maligne non può avere inizio senza l’invocazione all’Arcangelo Michele affinché assista gli uomini di fede nella battaglia contro i Principati e le Potestà:
Princeps gloriosissime cælestis militiæ, sancte Michaël Archangele, defende nos in prælio et colluctatione, quæ nobis adversus PRINCIPES et POTESTATES.
Perché tra tutte le creature angeliche si invoca proprio San Michele? Perché non l’Altissimo, o il Cristo, che nel Nuovo Testamento scaccia con autorità le forze demoniache? Perché per affrontare Principati e Potestà si richiede l’assistenza spirituale dell’Arcangelo Michele?
La natura di queste forze demoniache è descritta nella Lettera agli Efesini, verso 6,12: “La nostra battaglia non è contro creature di sangue e di carne, ma contro i PRINCIPATI e le POTESTÀ, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che ABITANO NELLE REGIONI CELESTI”.

La forma della costellazione di Orione rivela che non è la raffigurazione dell’anonimo cacciatore greco, da cui oggi prende il nome, ma del Principe delle Milizie Celesti: postura, spada, armatura, piede sinistro che schiaccia la testa del serpente (la costellazione dell’Eridano) coincidono perfettamente con la rappresentazione tradizionale dell’Arcangelo guerriero. San Michele è raffigurato nel Cielo nell’atto di schiacciare la testa del Serpente e combattere il Toro. E, secondo la Lettera agli Efesini, i PRINCIPATI  e le POTESTÀ che sono divenuti dominatori di questo mondo provengono dalle “regioni celesti”.
È dunque questa la ragione che ha “spinto” Sirio ad attraversare la Via Lattea per giungere così vicina a noi: per contrastare una forza avversa e distruttiva proveniente dalla stella Aldebaran, gli Angeli Caduti descritti da Enoch, gli Anunnaki oggi così follemente popolari, che hanno preso possesso del nostro pianeta e che continuano ad interferire nelle nostre vite dettando legge ovunque si parli la lingua del potere, dell’interesse e dello sfruttamento. Se non fosse per la presenza di Sirio, che argina nei limiti del possibile la forza distruttiva degli Aldebarani, la Terra sarebbe un cumulo di cenere ormai da secoli.
Coloro che rinnegano il ruolo di Sirio e di colui che proviene da questa stella sono consapevoli dell’oscuro lavoro che svolgono a favore degli Anunnaki dell’Occhio del Toro e dei loro piani di conquista?


domenica 4 dicembre 2016

ELOHIM di SIRIO vs ANUNNAKI di ALDEBARAN

La Dimora Stellare delle due Razze
non Terrestri che interagiscono
con il Nostro Pianeta
sono Sirio e Aldebaran.


Da Sirio provengono Jahweh e gli Elohim
che hanno creato la Vita sulla Terra.
Da Aldebaran provengono gli Anunnaki,
gli Intrusi o Angeli Caduti che hanno corrotto la vita umana.
Questo è ciò che i livelli più alti e impenetrabili delle Società Segrete del mondo occidentale conoscono e nascondono; alcune obbedienze
sono al servizio di Sirio,
altre sono devote ad Aldebaran.
È una guerra che si svolge in Cielo e che affronta sulla Terra la battaglia decisiva.
Perché la posta in palio è la Nostra Evoluzione
o la Nostra completa Distruzione.

Nessuno lo ha mai divulgato fino ad oggi
e nessuno in futuro lo farà.
Perché sapere tutto questo ha un prezzo.

Così come rivelarlo ha un prezzo.


martedì 22 novembre 2016

LE COPERTINE COPRONO. QUESTA RIVELA.

Nell'iconografia Massonica, l’Occhio Destro è il Simbolo di Sirio, che a sua volta è l’Occhio Destro del Cane Maggiore, stella che la Frammassoneria Universale associa al dio biblico Jahweh.



Ecco un dettaglio ingrandito della cover di un noto autore di testi (come quello da cui ho tratto l’immagine) violentemente anti-jahvisti.

Si noti il sottile gioco di richiami: protagonista è un occhio DESTRO (Sirio è l’Occhio Destro del Cane Maggiore) incastonato in un triangolo equilatero (altra immagine simbolica di Sirio) così come è tradizionalmente raffigurato nell’iconografia massonica. L’associazione è chiara: Jahweh e l’Occhio che tutto Vede, cioè: Sirio.

Ergo: forse anche lui SA che Sirio e Jahweh sono inscindibilmente legati, poiché è la stella da cui il dio biblico proviene, e lo SA perché ha dichiarato pubblicamente di essere un ex massone ferocemente pentito?

Si ma … pentito per quale motivo? Forse perché esistono DUE Massonerie, una dell’Occhio DESTRO, una dell’Occhio SINISTRO? E, di conseguenza, quando ha compreso di trovarsi in un’Obbedienza affine al Percorso della Mano Destra (Sirio), non deve aver tollerato, lui che schiuma ira contro Jahweh, di appartenere a qualcosa affine al dio che tanto odia? E perché lo odia? Non sarà perché nutre una lieve simpatia per Helel ben Shahar, il Lucifero che proviene da Aldebaran, Occhio SINISTRO del Toro, nemico tanto in Cielo quanto in Terra del dio biblico?

Allora devo dedurre che il suo divulgare non è per il “Nostro” Bene … ma per l’oscura gloria di chi sta servendo?

lunedì 21 novembre 2016

IL SENTIERO della MANO DESTRA (SIRIO) e della MANO SINISTRA (ALDEBARAN)


L’esoterismo riconosce due tradizioni:il sentiero della mano DESTRA (right, “giusto, corretto”) e il sentiero della mano SINISTRA (left, “lasciato, abbandonato”).

Il primo insegna che l’uomo si evolve in armonia con l’Universo, in una grande Famiglia composta da innumerevoli civiltà che popolano innumerevoli mondi.
E concorda sull’esistenza di un Dio.
Il secondo è un inno all’autocelebrazione, all’arroganza senza regole di chi elegge il Principe delle Tenebre a modello di ribellione, prototipo dell’uomo che prende senza chiedere, distrugge senza rimorso, abusa senza vergogna.
Sirio si trova sulla DESTRA di Orione; Aldebaran sulla SINISTRA.
La prima stella indica un percorso spirituale evolutivo, di crescita, di liberazione. La seconda è il falso bagliore di chi tradisce, ostacola, prevarica.
Da Sirio provengono i nostri Creatori. Da Aldebaran provengono coloro che hanno corrotto la natura divina dell’Uomo e tentano di compromettere la nostra evoluzione. Perché, perpetuando il nostro stato di involuzione, gli esseri Negativi potranno continuare a nutrirsi delle nostre energie negative.

Sirio è la dimora celeste di Jahweh.
Aldebaran è la patria stellare di Helel ben Shahar. Lucifero.
Sirio, Jahweh, Creatori.
Aldebaran, Lucifero, Intrusi.
Questo è ciò che in ogni ambiente esoterico si sa da secoli e non si vorrà mai ammettere. Perché?
  • Perché significherebbe riconoscere che c’è una guerra in atto;
  • Perché tutti si chiederebbero per quale motivo non si dice apertamente:
  • Perché chiunque detiene il potere (politico, economico, culturale) dovrebbe confessare di essere al servizio di Sua Maestà Infernale la Falsa Portatrice di Luce, Aldebaran, la Stella di Lucifero.


giovedì 17 novembre 2016

MICROCHIPPATI AL SERVIZIO DI LUCIFERO, TUTTI UNITI NELL’ODIO CONTRO JAHWEH

Ecco il primo commento pro-Lucifero che abbiamo ricevuto.

Tra parentesi alcune mie riflessioni ai pensieri espressi dal Nostro Caro Amico.

C. M. “Tu stai dalla parte di yahweh immagino, un assassino che ha sterminato milioni di persone (milioni??? riducendo notevolmente il numero, si trattava di adoratori di Intrusi, Vigilanti ribelli provenienti da Aldebaran del Toro, che non avevano alcuna pietà nel sacrificare quotidianamente schiavi e bambini ai loro idoli .. ti ricorda qualcosa?).
Io no … Volevo dirti che sia yahweh (notare il nome sempre in minuscolo, in senso dispregiativo) che Lucifero non esistono (ah beh, allora…); il primo era un maschio-guerriero uno sterminatore di gente, ma aveva paura degli elohim più potenti di lui (questa l’ho già sentita …), e quindi era un bandito da rione del deserto (nel deserto ci sono rioni? Lo chiedo perché non sono mai stato in un deserto), un poco di buono elevato ad altissimo, signore, dio.
Per il povero (povero in che senso??) Lucifero, nessuno ha mai ucciso in suo nome (spiegalo alle centinaia di migliaia di vittime del satanismo, sottospecie di Anunnaki), era un semplice signorotto (da cosa avrà dedotto che fosse un tipo “semplice”?) della Sumeria di Ur (credo sia più corretto dire Ur della Sumeria), inventandosi menzogne su di lui (manca il soggetto: chi ha inventato?). Una propaganda infausta (quindi la Bibbia sarebbe stata scritta soltanto per sminuire un semplice signorotto di Ur?), però yahweh ha avuto la meglio (quindi, secondo i dati trasmessi nel tuo microchip, un maschio-guerriero che non esiste ha trionfato su un signorotto della Sumeria di Ur che non esiste, ho capito bene?)
Ha vinto si. Per ora. Ma io scelgo Lucifero”.


Ecco. Nessun dubbio che avrebbe concluso con “Io scelgo Lucifero”.
Avrei gradito che il nostro simpatico lettore avesse condiviso con noi anche la fonte di questa altisonante riflessione.
Perché non è farina del suo sacco. E lo sappiamo, non è vero?
Avrei voluto che scrivesse: IO (nome e cognome) odio yahweh, con la y minuscola così lo sminuisco, e ho scelto Lucifero come mio unico dio grazie ai libri di NOME e COGNOME.
Non chiedo altro: dite che l’odio verso Jahweh Elohim è una cosa sola con l’idolatria verso Lucifero. Così il mondo intero si fa un’idea delle regole del gioco: ti induco ad odiare Dio per indurti ad adorare l’Intruso.
Tirate giù la mascherina, se avete coraggio.